La Belle Vue

Una chambre d’hôtes di charme per ritrovare corpo e anima, nel piccolo villaggio di Neffiès, nel sud-ovest della Francia. Immersa tra i vigneti, a due passi dal Mar Mediterraneo.

A charming bed & breakfast to find yourself, in the small village of Neffiès, in the south-west of France. Immersed in the vineyards, a stone’s throw from the Mediterranean Sea.

la-belle-vue-neffies-chambre-d-hotes-pool.jpg

La Belle Vue a Neffiès è una chambre d’hôtes di charme gestita da una coppia svedese, Yvonne Tenninge e Micke Sköldmark, che si è trasferita qui per realizzare un sogno: “Cambiare il proprio stile di vita, andando a vivere in un paesino di campagna, con un clima mite e una splendida vista sui vigneti del Sud della Francia”.

La Belle Vue in Neffiès is a charming chambre d’hôtes run by a Swedish couple, Yvonne Tenninge and Micke Sköldmark, who moved here to realize a dream: “Change our lifestyle, going to live in a small village of countryside, with a mild climate and a splendid view over the vineyards of Southern France ”.

la-belle-vue-neffies-chambre-d-hotes-swimming-pool.jpg

Yvonne e Micke hanno visitato più di 60 case prima di trovare questo gioiello. Un edificio del 1857, con porte alte, camini in marmo, cementine originali, e una vista mozzafiato sulle colline e sui vigneti (nelle giornate limpide si vedono i Pirenei!). “Abbiamo fatto un po’ di calcoli prima dell’acquisto, ma queste decisioni vanno prese senza pensarci troppo” dice sorridendo Micke.

Yvonne and Micke visited more than 60 houses before finding this jewel. A building from 1857, with tall doors, marble fireplaces, original cement tiles, and a breathtaking view of the hills and vineyards (on a clear day you can see the Pyrenees!). “We did some calculations before buying, but these decisions must be made without thinking too much,” Micke says with a smile.

 

Ogni camera, una differente dall’altra, è uno spazio intimo e accogliente, con lampadari di cristalli, letti in ferro battuto, vasche da bagno in ghisa, mobili d’epoca, e preziose lenzuola di lino ricamate a mano. Il mio colpo di fulmine? Il bagno della camera Yvonne, con accesso diretto al terrazzo.

Each room, one different from the other, is an intimate and welcoming space, with crystal chandeliers, wrought-iron beds, cast-iron bathtubs, period furniture, and precious hand-embroidered linen sheets. My love at first sight? The bathroom of the Yvonne room, with direct access to the terrace.

la-belle-vue-neffies-yvonne-bathroom.jpg

Nella sala colazione un tavolo unico per fare amicizia con gli altri ospiti, e aumentare il proprio network. Nelle belle giornate la colazione si fa in terrazzo (con vista, ovvio!). La Belle Vue è anche table d’hôtes. Cosa c’è di meglio che sentirsi a casa propria in un’altra città e conoscere persone con interessi simili attorno a un bel tavolo? A fare da sfondo l’atmosfera regale dei candelabri.

In the breakfast room a unique table where you can increase your own network. In a sunny day, breakfast is served on the terrace (with a view, of course!). La Belle Vue is also table d’hôtes. What could be better than feeling at home in another city and meeting people with similar interests around a nice table? The royal atmosphere of the candelabra is the background.

colazione-4.jpg

La casa apparteneva ai due fratelli Baulac, tra i produttori di vino più grandi della regione. Se solitamente una famiglia agiata aveva 3 vitigni, loro ne avevano 5” racconta Mick. “I due fratelli morirono circa 20 anni fa, e la casa fu acquistata da una signora inglese, che viveva qui con i suoi tre figli. Bussammo alla sua porta e le chiedemmo se la casa era in vendita. Inizialmente non lo era, ma dopo riuscimmo ad arrivare a una trattativa” spiega Yvonne.

“The house was originally owned by a vineyard pair of the Beaulac family. It was a siblings couple who owned it and died about 20 years ago. They were 95 and 97 years old. They were one of the region’s largest wine producers. Then the house was bought by an English lady, where she used to live with her three children. We saw it and knocked on the door and asked if we could buy the house. It was not for sale then. After a little negotiation, we came to the top” Yvonne explains.

la-bellevue-neffies-breakfast.jpg

Uno scrigno di belle cose, selezionate con cura in mercatini, negozi di antiquariato, o da anziane signore conosciute negli anni, per creare un’atmosfera rilassata, ma anche sofisticata e accogliente.

A treasure of beautiful things, carefully selected in flea markets, antique shops, or by elderly ladies known over the years, to create a relaxed, sophisticated and cozy atmosphere.

la-belle-vue-chambre-d-hotes-charme-occitanie.jpg

Quando ho iniziato a ristrutturare La Belle Vue a Neffiès non avevo in mente uno stile preciso. Ho ascoltato la casa e cercato di ricreare la sua anima. Credo che ogni casa abbia la sua anima. È stato divertente scoprire che i colori precedenti a quelli trovati al momento dell’acquisto erano gli stessi che avevo deciso di utilizzare” racconta Yvonne.

“I probably had no special style when I set up La Belle Vue. I have listened to the house and tried to recreate its soul. I believe that each house has its own soul. What has been fun is that when I scratched the walls of the house I have found almost exactly the same type of colors that I have decided to use” Yvonne tells.

 

I cinque elementi di arredo per creare la giusta atmosfera?Una domanda difficile. Penso che i tessuti siano importanti, e quindi le fibre naturali come il lino, il cotone e la lana. Amo i tessuti antichi e li colleziono. Il profumo in una casa è anche importante. Adoro le candele profumate, le scelgo attentamente, le mie preferite sono quelle di Mad et Len e Astier de Villatte. E poi tante lampade, che creano un’illuminazione personalizzabile di volta in volta, plaid e fiori freschi” rivela Yvonne.

What are the 5 elements that cannot be missing at home to create a cozy atmosfphere? “Hard question. But I think textiles are important and then in natural fibers, such as linen, cotton and wool. I love antique fabrics and collect them. So I can’t stay without them in a house. Then the scent is important in a house, so preferably scented candles, but I choose them carefully. The favorites are  from Mad et Len or Astier de Villatte. Lighting is important as many small lamps that can be dimmed. I also like having plaids, partly to decorate with but also to wrap around in the evenings. Last but not least fresh flowers”.

la-belle-vue-outdoor-kitchen.jpg


Tra gli oggetti a cui Yvonne è più legata…
Tutti i miei tessuti di lino antico che colleziono e che compro nei vari negozi di antiquariato o mercati. Li uso per tutto. Tende, abiti, creo delle borse e li tingo utilizzando erbe tintorie come l’eucalipto o l’avocado. E poi il divano nella nostra hall: l’ho comprato per pochi soldi da una vecchia signora. Era in una condizione miserabile, ma l’ho vestito con un bellissimo tessuto di lino”.

Among the objects to which Yvonne is more attached… “All my antique linen fabrics that I collect and which I buy on various antique stores or markets. I use them for everything. Curtains, cloths, sew bags from them, dyes them plant waste such as eucalyptus or avocado. Then the sofa in our hall. I bought it for almost nothing from an old lady. It was then in a miserable condition but I have dressed it in a beautiful linen fabric”.

blanche.jpg

Scienziata del comportamento, Yvonne è super appassionata di interior design (e si vede). Aveva un negozio di decorazione per gli interni a Stoccolma. E poi ama stare in cucina… “Yvonne è francese nell’anima… veniva in Francia ogni estate, da quando era piccola. Ha vissuto a Parigi, e ha sempre sognato di tornarci” racconta Micke. “Puoi immaginare la mia felicità quando ho avuto la possibilità di decorare una casa di 300 mq. Questo è il nostro modo di vivere e lavorare in Francia. Cosa mi piace di più della Francia? Il tempo, il clima, il bellissimo paesaggio, la gente, la cultura, il cibo, il vino, sì tutto! È un modo di vivere completamente diverso rispetto alla Svezia” spiega Yvonne. “Penso che sia difficile paragonare la vita a Stoccolma, che è una grande città, alla vita rurale in Francia. La grande differenza è il ritmo della vita. In Francia ogni cosa ha il suo tempo, hai tempo l’uno per l’altro, per la famiglia, per gli amici e lo stile di vita è rilassato. Una cena qui dura circa 2 ore e mezza, a Stoccolma si mangia in 20 minuti. Un altro grande valore aggiunto è ovviamente la luce. In Svezia abbiamo sette mesi di buio e maltempo. Qui il sole splende 300 giorni all’anno e non fa mai molto freddo”.

Behavioral scientist, Yvonne is super passionate about interior design. She had an interior decoration shop in Stockholm: “Yvonne is French in the soul … she used to come to France every summer, since she was a child. She lived in Paris, and she always dreamed of moving back to France” Micke says. “Guess if I was happy when I had 300 sqm empty house to decorate. This was our way of living and working in France. What do I like most about the south of France? The weather, the climate, the beautiful landscape, the people, the culture, the food, the wine, yes everything! It is a completely different way of life than in Sweden” Yvonne explains. “I think it is difficult to compare life in Stockholm, which is a large city with rural life in France. The big difference is the quality of life. Here everything gets its time, you have time for each other, for the family, for friends and you live quite easily. A dinner here takes about 2 1/2 hours, in Stockholm you may eat in 20 minutes and then run on. Then of course it is the light. In Sweden we have seven months of darkness and bad weather. Here the sun shines 300 days / year and it never gets really cold”.

Neffiès si trova nel dipartimento dell’Hérault, nella regione Occitania. “Nel passato la zona vicino a Béziers, una delle principali città della regione e una delle più antiche della Francia, era una delle più ricche di tutto lo Stato grazie al commercio di lino, oggi è una delle più povere” racconta Micke.  

Neffiès is located in the department of Hérault, in the Occitania region. “In the past, the area near Béziers, one of the main cities in the region and one of the oldest in France, was one of the richest in France for the linen trade, today one of the poorest,” says Micke.

chambre-d-hotes-piscine-sud-de-la-france.jpg

Micke è un ex sportivo e allenatore, oggi passa ore e ore a fare lavoretti di casa, tra restauri e messe in opera: “Non sembra ma ogni giorno c’è qualcosa da fare. Ora sto sistemando il piano terra. Vogliamo creare accanto alla piscina un’area per i concerti, gli eventi, i matrimoni e lo yoga”.

Micke is a former sportsman and coach, today he spends hours and hours doing chores around the house, including restorations and installations: “Every day there is something to do. Now I’m setting up the ground floor. We want to create, next to the pool, an area for concerts, events, weddings and yoga “.

chambre-d-hotes-con-piscina.jpg

Il sabato e la domenica è, infatti, possibile seguire lezioni di Yoga. Ogni tanto ci sono dei veri e propri ritiri che durano qualche giorno. L’insegnante si chiama Angelica @roottorose, ed  è specializzata in ayurveda.

On Saturday and Sunday it is possible to take Yoga lessons. Sometimes there are yoga retreats that last a few days. The teacher is called Angelica, and specializes in ayurveda.

La sera si va a cena a L’Escampette, un bistro francese delizioso, sia nell’arredamento autentico sia per quanto riguarda la cucina.

In the evening you can go to have dinner at L’Escampette, a delicious French bistro, with authentic decor and good kitchen.

Per una gita fuori porta, merita una visita Saint-Guilhem-le-Désert, considerato uno dei più bei villaggi della Francia, costruito attorno all’Abbaye de Gellon, Patrimonio Mondiale dell’UNESCO e una tappa importante del cammino di Santiago di Compostela. Ci si arriva attraverso stradine tortuose, tra falesie vertiginose. Ottimo un pranzetto o una cena da Chez Barmy: da provare la Rouille de Seiche façon Barmy (attenzione perché le dosi di aglio sono XXL) e la sua birra artigianale.

For a day trip, Saint-Guilhem-le-Désert is worth a visit, considered one of the most beautiful villages in France, built around the Abbaye de Gellon, a UNESCO World Heritage Site and an important stop on the Santiago de Compostela route. It can be reached through winding roads and dizzying cliffs. Excellent a lunch or dinner at Chez Barmy: try the Rouille de Seiche façon Barmy (be careful because the doses of garlic are XXL) and its craft beer ..

Per gli amanti del coquillage, una tappa a Bouzigues è d’obbligo. Meno turistica e più tranquilla di Sète, ha un lungo mare pieno di ristorantini con vista sugli allevamenti di ostriche, cozze & Co. Deliziosa la cucina, anche i fritti di pesce, da Chez Alex Et Lucia.

Da non perdere una visita a Pezenas, con i suoi 50 negozi di brocante. J’adore! E il Marché du Lez di Montepeiller, con food trucks, negozi ricercati e brocante.

For lovers of coquillage, a stop in Bouzigues is a must. Less touristy and quieter than Sète, it has a long beach full of restaurants overlooking oyster, mussels & Co farms. Delicious cuisine, even fried fish, from Chez Alex Et Lucia.

Do not miss a visit to Pezenas, with its 50 shops of brocante. J’adore! And the Marché du Lez in Montepeiller, with food trucks, sophisticated shops and brocante.

Follow my travel tips:
INSTAGRAM @tweetandtravel

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: